Organized by Veronafiere
Verona
14-16 Settembre 2016
EXHIBITION AND CONFERENCE

CosmoBike Mobility | Programma mercoledì 14 settembre

Scarica il programma in formato pdf

Mercoledì 14 settembre la seconda edizione di CosmoBike Mobility presenta

Sala Margherita

h 10.30 – 11.00 Saluti istituzionali e introduzione

Nel corso della prima edizione di CosmoBike Mobility abbiamo voluto darci un obiettivo ambizioso: immaginare le città italiane del 2030 per procedere a una progettazione programmatica e in grado di lasciarsi alle spalle la tendenza così diffusa nel nostro paese di ragionare in termini di emergenze e di esperienze personali.
Con la seconda edizione abbiamo voluto spingerci oltre, cercando di rappresentare la città dei bambini, un luogo ideale in cui infrastrutture e programmi di mobilità vengono pensati e progettati tenendo in prima considerazione le esigenze dei più deboli e fragili della nostra società. Se una città è ospitale per un bambino, lo sarà per tutti.

Sessione plenaria

Intervengono:

  • Graziano Delrio*, Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti
  • Paolo Coin, Project Manager CosmoBike Show
  • Paolo Pinzuti, Cycling Development Officer, Bikenomist srl
  • Diego Valsecchi, Direttore commerciale VeronaFiere
  • Manfred Neun, Presidente della European Cycling Federation

Sala Margherita

h 11.15 – 12.15 Governance Europea per la mobilità nuova

La mobilità nuova non si improvvisa: esistono una serie di esempi provenienti da tutta Europa che possono essere presi a modello per il legislatore che vuole implementare mobilità di trasporto e di urbanesimo che mettano al centro la persona. Copiare non è mai una buona soluzione perché ogni paese è differente dall’altro, ma ci sono delle linee guida che possono essere perseguite e applicate ovunque con esiti positivi.

Talk show

Intervengono:

  • Paolo Gandolfi, Parlamentare PD
  • Diego De Lorenzis, Parlamentare M5S

Modera:

  • Paolo Pinzuti, Cycling Development Officer, Bikenomist srl

Sala Margherita

h 12.30 – 13.30 Lo spazio del gioco e l’accessibilità

Lo spazio pubblico urbano, sia esso costruito o verde, è ciò che fa la qualità delle nostre città. Il suo essere sicuro, inclusivo e accessibile per tutte le persone – quale che sia il loro sesso, età, condizione fisica, stato socio-economico, cultura e religione – è ciò che rende la città sostenibile (Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile).

Le aree gioco e i parchi devono pertanto essere anch’esse accessibili a persone di ogni età e con qualsiasi livello di abilità fisica. Il diritto dei bambini al riposo e al tempo libero, al gioco e alle attività ricreative è sancito dalla Convenzione sui Diritti dell’Infanzia dell’ONU. E i bambini con disabilità fisiche o mentali hanno il diritto di partecipare attivamente alla vita della comunità.

Considerare la diversità, che sia fisica o culturale, all’interno del progetto non solo permette al maggior numero possibile di utenti di poter partecipare alle attività all’interno dello spazio pubblico, ma può migliorare le condizioni di fruizione dello spazio per tutte le persone. In altri termini, “va preso atto che lo spazio pubblico urbano rappresenta una categoria chiave per la costruzione della città sostenibile in quanto capace di mobilitare contemporaneamente le dimensioni della qualità ambientale, della coesione sociale e delle prestazioni economiche di un insediamento umano” (cit. Silvia Macchi).

Breakout Session

Intervengono:

Fano, città dei bambini

Massimo Seri, Sindaco del Comune di Fano

Quando le strade diventano una festa

Pinar Pinzuti, Bisikletizm, Izmir, Turchia

Vivere il parco giochi

Claudia Protti, Cerpa – Criba

Ciclabilità urbana, un approccio cognitivo per nostre città

Giovanna Canziani, Psicologa 

Progettazione partecipata: era un parcheggio

Stella Mecozzi, Operatrice sociale

banner-partecipa

h 13.30 – 14.30 Pausa Pranzo

Sala Salieri

h 14:30 – 16:30 Bike to School

Soltanto il 16% dei bambini arriva da solo a scuola, il restante 84% è accompagnato in auto dai genitori o comunque da un adulto. Percentuali capovolte rispetto agli anni ’70, quando la stragrande maggioranza dei piccoli studenti andava a scuola da solo.

Eppure per i pediatri insegnare ai figli come raggiungere in autonomia la scuola, evitando i pericoli, è un grande aiuto per la crescita psicologica ed emotiva: “I bambini che vanno a scuola accompagnati in macchina, sostiene la letteratura medica, sono meno reattivi di quelli che vanno in bicicletta o a piedi. Giocano meno, sono spesso in sovrappeso, hanno minore sicurezza e autostima”.

Incentivare l’uso della bicicletta tra i bambini, in particolare a scuola, vuol dire favorire la loro indipendenza e autonomia, non solo negli spostamenti. L’Italia però è ancora tra i Paesi europei con la minore percentuale di tragitti in bici casa-scuola, e il motivo è soprattutto la paura dei genitori per i pericoli del traffico. Andare in compagnia portando gli altri utenti della strada ad andare più piano, è un modo per vincere questa paura.

Breakout Session

Intervengono:

Il Bicibus compie 10 anni

Alessandro Meggiato, Comune di Reggio Emilia

Linee guida per un Piano Partecipato di Mobilità Scolastica Sostenibile

Roberto di Bussolo, Comune di Venezia

Il Bike to School come strumento di welfare

Simone Piacentini, Assessore Comune di Lodi

La Responsabilità: il quadro legislativo sul tema casa-scuola

Jacopo Michi, Ufficio Legale FIAB

La children cycling accademy di Vienna: un concetto unico e innovativo di educazione al traffico

Marlene Mellauner, Schulterblick, Die Wiener Radfahrschule / Schulterblick – The Viennese Cycling School

Mamme in bici: educare all’uso della bici a Milano

Federico del Prete, Vicepresidente CycloPride Italia APS

Sala Vivaldi

h 14:30 – 16:30 Infrastrutture per città ciclabili

Per incentivare l’uso della bicicletta è necessario ricercare caratteristiche geometriche e funzionali relativamente elevate per i percorsi ciclabili in modo da consentire una buona velocità commerciale ai ciclisti che effettuano spostamenti di medio-lungo raggio. Per una corretta progettazione dei percorsi ciclabili bisogna quindi considerare diversi elementi: la classificazione funzionale del percorso, gli standard geometrici, la gestione dei conflitti laterali e longitudinali, il tipo di pavimentazioni, la messa in sicurezza degli attraversamenti, la risoluzione dei conflitti agli incroci, la manutenzione dei bordi, e molto altro ancora.

Breakout Session

Intervengono:

Creare una strategia per rendere le strade più sicure: il caso di Londra

John Murray, Road Safety Principal Strategy Planner, Transport for London

Tenere insieme mobilità e spazio pubblico come chiave per favorire la ciclabilità: il caso di Vitoria-Gasteiz

Gianni Rondinella, Universidad Politécnica de Madrid

Materiali per la costruzione di piste ciclabili: DrainBeton®

Riccardo Rampini, ingegnere stradale e consulente DrainBeton® Betonrossi S.p.A.

Aumentare la sicurezza e il comfort dei ciclisti:  il progetto europeo Xcycle 

Federico Fraboni e Marco De Angelis, Università di Bologna 

Sala Margherita

h 16:30 – 17:30 Club delle Città 30eLode

Città di piccole e medie dimensioni possono essere laboratori a cielo aperto in cui sperimentare nuovi modelli di mobilità, mettendo in rete le esperienze per sconfiggere insieme i tanti problemi derivanti dal traffico motorizzato: sono 15 i Comuni che hanno gettato le basi per un’alleanza in nome della mobilità nuova con la creazione del “Club delle Città 30 e Lode”, visto che con 61 auto ogni 100 abitanti, l’Italia si colloca saldamente ai vertici delle classifiche europee per tasso di motorizzazione, congestione e inquinamento e si stima che proprio a causa del traffico ogni anno il nostro Paese manda in fumo 5 miliardi di euro, pari all’1,5% del PIL nazionale.

Tavola rotonda

 

Intervengono:

  • Giuseppe Forte – Assessore alla Mobilità del Comune di Pisa
  • Daniela Gerosa – Assessore alla Mobilità del Comune di Como
  • Massimo Seri, Sindaco del Comune di Fano
  • Stefano Maggi – Assessore alla Mobilità del Comune di Siena
  • Paolo Confalonieri – Assessore alla Mobilità del Comune di Monza
  • Roberta Frisoni – Assessore alla Mobilità del Comune di Rimini
  • Emanuele Granziero – Assessore alla Mobilità del Comune di Abbiategrasso
  • Alessia Manfredini – Assessore alla Mobilità del Comune di Cremona
  • Andrea Civati – Assessore alla Mobilità del Comune di Varese
  • Fabio Bergamaschi – Assessore alla Mobilità del Comune di Crema
  • Paola Nobis – Assessore alla Mobilità del Comune di Mantova
  • Giuliano Piccotti – Assessore alla Mobilità del Comune di Pomezia
  • Enrico Pizza – Assessore alla Mobilità del Comune di Udine
  • Caterina Ferri – Assessore alla Mobilità del Comune di Ferrara
  • Daniela Belliti – Assessore alla Mobilità del Comune di Pistoia
  • Simone Piacentini – Assessore alla Mobilità del Comune di Lodi
  • Roberta Frisoni – Assessore alla Mobilità del Comune di Rimini
  • Emanuele Granziero –Assessore alla Mobilità del Comune di Abbiategrasso

Modera:

Davide Lazzari, Assessore alla Mobilità del Comune di Pavia

banner-partecipa
*da confermare

Scarica il programma in formato pdf